Drought Situation

In Italian Only

A livello globale, questo primo mese del 2024 è stato il Gennaio più caldo registrato, con un’anomalia di +1,66°C rispetto al periodo pre industriale 1850-1900 e anche gli ultimi 12 mesi sono stati i più caldi rispetto allo stesso periodo di riferimento, con un’anomalia di 1,52°C. A livello europeo le temperature di Gennaio sono state più alte della norma eccetto che per i Paesi più a nord come la Scandinavia che invece ha fatto registrare anomalie nettamente negative. Grazie alle temperature che continuano nei mesi a mantenersi sopra la media, anche la richiesta evaporativa dell’atmosfera risulta elevata, come dimostra la mappa delle anomalie dell’indice ESI, che ben delinea la situazione non solo italiana, ma anche di altre zone europee, fra cui spiccano il sudest della Spagna, i Pirenei e la Bulgaria. Le piogge sono state superiori alla media su buona parte dell’Europa, eccetto che nel sud del Regno Unito, Irlanda, buona parte della Scandinavia, Francia centro-meridionale, est del Balcani, sud e nord della Spagna, Alpi occidentali e alcune zone dell’Italia centro-meridionale. Se però si considera la pioggia caduta negli ultimi 24 mesi la percentuale di territorio affetto da siccità severo-estrema si estende (vedi mappa). La Sicilia è la regione che presenta la situazione più grave, tanto che il 9Febbraio è stato dichiarato lo “stato di calamità naturale da siccità severa per l’intero territorio regionale”.
  • La neve caduta fino a metà Gennaio, in termini di Equivalente Idrico Nivale, risulta il 40% circa inferiore alla media 2011-2022, anche se leggermente superiore allo scorso anno. Le Alpi orientali sono quelle che presentano il deficit minore, con -26% (CIMA Foundation).
  • I grandi laghi del nord Italia, al 14 Febbraio, mostrano tutti una netta impennata dovuta alle precipitazioni dei giorni precedenti e mantengono valori al di sopra dei valori medi di riempimento rispetto al massimo valore d’invaso disponibile (volume è compreso tra il limite minimo e il limite massimo dell’attività di regolazione delle acque) eccetto il Lago d’Iseo che rimane comunque sotto media. Preoccupante è la situazione dei bacini del sud e soprattutto delle isole maggiori che risentono delle scarse precipitazioni autunno-invernali e delle anomalie termiche positive facendo registrare decrementi significativi rispetto allo scorso anno: -40% in Basilicata, -44% in Puglia, -50% in Sardegna (ANBI). Ma il fenomeno si sta spostando anche al centro.
  • I livelli del Po prima del picco dovuto alla perturbazione del secondo fine settimana di Febbraio presentavano comunque livelli superiori all’analogo periodo del 2023.
  • Come per i mesi precedenti, le acque sotterranee, a fine Gennaio mostravano una situazione pressochè invariata sia in Piemonte, dove in alcuni punti di misura segnano valori in discesa (ARPA Piemonte), che in Veneto dove nel veronese i valori sono ancora bassi (ARPA Veneto).
  • La produzione di energia idroelettrica nelle regioni settentrionali della penisola è ancora nettamente superiore rispetto agli omologhi periodi del 2022 e 2023.
Previsioni per i prossimi mesi
Per quanto riguarda le temperature dell’aria del trimestre Marzo-Maggio, i dati d’insieme dei maggiori centri europei per le previsioni a medio termine indicano valori sopra la media su quasi tutta Europa (eccetto la zona scandinava a Marzo) con una probabilità crescente man mano che si passa dai Paesi settentrionali al Mediterraneo. Le temperature superficiali del Mar Mediterraneo e dell’Atlantico settentrionale continuano a dare un segnale di valori superiori alla media per tutto il trimestre, con una probabilità dal 70 al 100%. Per quanto riguarda le piogge, il trimestre potrebbe risultare per lo più nella norma sul comparto mediterraneo, e con una probabilità del 40-50% di precipitazioni superiori alla media sull’Europa orientale e Spagna occidentale in particolare a Marzo.
Twitter feed is not available at the moment.

Drought WebGIS

A WebGIS application based on open source solutions customized to integrate different datasets and share maps and graphs of drought indices with researchers, decision-makers and other stakeholders. Different functions allow to select sections of territory or visualize the trend of the indices in a specific pixel. Maps and graphs can also be downloaded in png format.

Please Note: Due to the size of the images, it is possible to download sections of the vegetation indices smaller than the whole geographic window.

Please Note: due to problems concerning the Terra MODIS satellite, the TCI and VHI indices are available until the 9th of November 2022. They will be replaced soon with new products.

Other Services

Open data

Through CKAN and GeoServer, a complete catalog to publish data and metadata in several formats and standard protocols. Spatial data can be integrated and reused by any third-party client applications.

API REstful

The service allows the integration of any client application data from the Drought Observatory Spatial Data Infrastructure. The RESTful APIs developed are available on the GitHub platform.​

The drought is a complex phenomenon

The complexity of the drought phenomenon requires the availability of a system as comprehensive and integrated as possible to respond to the different users requests.

The challenge
Increasing environmental resilience

Heat waves and droughts have important and increasing repercussions on physical, chemical and biological systems, and on some socio-economical aspects such as health, agriculture, natural ecosystems and tourism. One of the main challenge to cope with drought is to reduce the temporal gap between the onset and development of a dry period, and the response in managing drought-related emergencies.

A Scientific Proactive approach
Technical support and timely information

Although these extreme events require effective actions, policymakers and water users often show low preparedness because of the lack of a proactive approach consisting of monitoring and forecasting activities, mitigation measures and public education.

A frequent Phenomenon

After flooding, it is the second natural disaster that affects the population.

Long term impact

The impact on the environment and human activities can show up late and persist even after the end of the drought event.

HIGH VARIABILITY

Its intensity and spatial extent are extremely variable.

A CREEPING PHENOMENON

With respect to other natural extreme events, drought is characterised by a slow and often difficult to define onset and a long-lasting evolution.

Drought Observatory: the reason why

Drought monitoring supports a better resilience to reduce the impacts of drought events

Drought monitoring and forecasting system

Institute of BioEconomy of the National Research Council (IBE-CNR) created a system to provide a semi-automatic, detailed, timely and comprehensive operational service. This service, initially developed for Tuscany Region, supports decision makers, water authorities, researchers and general stakeholders.

Integration of ground-based and satellite data

Meteorological stations network, satellite images and models are integrated through an open source and interoperable SDI (Spatial Data Infrastructure) based on PostgreSQL/PostGIS to produce vegetation and precipitation indices to follow the occurrence and evolution of a drought event.

The Indices: Drought occurrences and trends

The system is based on a monitoring component and on a forecasting ones. It uses two type of indices:

  • direct climate-based indices.
  • indirect vegetation-based indices

A continuous Work-in-Progress

Spatial Data Infrastructure

New technical improvements in the ICT infrastructure, coupled with scientific advances, allow a timely, ready-to-use and users-specific upgrading of the early warning communication.

SOA | OGC | PostgreSQL

A Service-Oriented Architecture (SOA) based on Open Geospatial Consortium (OGC) standards. Database-centred architecture, with PostgreSQL DataBase Management System.

Innovative Approach

The geographic data flows (from the download of remote sensing and climatic data to the storage of final indices) and all the related geoprocessing functions are integrated in a single environment.

Advanced Statistical Procedures

The integration of the PL/R (R Procedural Language) wrapper into the procedural language of PostgreSQL (PL/pgSQL) allowed the creation of advanced statistical procedures using R engine.